La_Maremma_e_la_politica_degli_approvvig

La_Maremma_e_la_politica_degli_approvvig - Centro Studi...

Info icon This preview shows page 1. Sign up to view the full content.

View Full Document Right Arrow Icon
This is the end of the preview. Sign up to access the rest of the document.

Unformatted text preview: Centro Studi Città e Territorio / Debatte Editore Collana Confronti, vol. 5 A cura del Centro Studi Città e Territorio – Follonica (GR) Direzione: Giulia Galeotti – Marco Paperini Giovanna Bianchi, docente di Archeologia Medievale, Università di Siena; Maurizio De Vita, docente di Restauro, Università di Firenze; Emma Mandelli, docente di Rilievo dell’Architettura, Università di Firenze; Rossano Pazzagli, docente di Storia Moderna, Università del Molise; Giuliano Pinto, docente di Storia Medievale, Università di Firenze; Carlo Tosco, docente di Storia dell’Architettura, Politecnico di Torino Enrico VII Vadit per Rasegnon, Bybone, Campillo, Castilhon, Aquam Grosset ad Melyam, Montalt, Viterbe in Campis de Bakenelle dal Codex Balduinensis © Centro Studi Città e Territorio Codex Balduinensis Il convegno La Maremma al tempo di Arrigo. Società e paesaggio nel Trecento: continuità e trasformazioni Confronti 5. La Maremma al tempo di Arrigo. Società e paesaggio nel Trecento: continuità e trasformazioni © Centro Studi Città e Territorio Centro Studi Città e Territorio - ISBN: 978-88-6297-194-2 La Maremma e la politica degli approvvigionamenti cerealicoli di Pisa nel Trecento Stefano G. Magni In the fourtheenth century, the Maremma region had a key role in pisan grain supply policies. In general, scholars have pointed out this characteristic, whereas they have not studied in detail how these peculiar and controversial policies worked throughout the century. The paper aims to show how the pisan commune exploited the resources of Maremma, namely imposing taxes paid in grain or forced grain collections. However, the sources describe also the capacity to gain from the actions of the strong city in the countryside. - - i comuni italiani affrontano le nuove condizioni economiche che caratterizzano il ritorno della congiuntura - governi delle città È tuto del devetum molante legata alla questione generale del governo del - tici suprastans deveti et platee blade, il quale incarica i custodes deveti devetum suprastans deveti, nel Trecento, si trasforma a Pisa in quella no venire assunte dal conservatore statu civitatis devetum ad e grascerii 113 La Maremma al tempo di Arrigo , re gli acquisti ed ogni altra transazione ordinata dagli culiari azioni di controllo della circolazione dei cereali È stato notato come questo decennio sia caratterizzato da una - sulla circolazione dei cereali, non chiamando in causa le che mantengono lungo tutto il Trecento la direzione tro-settentrionale - strategico - litata dalla signoria esercitata su Pisa agli inizi degli anni Trenta da Bonifazio novello Della Gherardesca , anche se nei documenti analizzati non si fa riferimento diretto - mercanti di caricare ed estrarre grano da località sot- - in misura minore Cecina e le piagge È necessario allora - - - dei luoghi citati nei registri delle lettere, dai quali veniva - - 114 Parte II - Continuità e trasformazioni nella Maremma al tempo di Arrigo 1334-1340. 3 maggiormente citati nelle fonti avessero un ruolo rilevante - naggi che ricevevano le concessioni di movimentazione - datium - - garlo costringere i centri della È utile citaimpositio bladi, testimoniata anche nel È ragionevole - di Castiglion della Pescaia , Cornuccio Barari di Piom, Cello di Bindo di massiccio lo strumento della licenza di estrazione, che - tratto dalla Maremma er co- in generale il grano che il - carestia 115 La Maremma al tempo di Arrigo - la costruzione degli stati territoriali - cavatores , lo utilizza, governo del territorio in relazione agli investimenti nel trollo del contado, le città comunali erano interessate una centralità come mercato nel territorio del contado vre sul crescente sulle transazioni e sul movimento di merci - eventuale surplus agricolo maremmano - - Trenta, una vasta schiera di commercianti locali che, ri- 116 - Parte II - Continuità e trasformazioni nella Maremma al tempo di Arrigo nizzasse in modo massiccio il territorio sul modello del - tere con le città anche nel Trecento - Note M. Bourin - S. CaroCCi - F. Menant - L. to FigueraS, Les campagnes de la Mediterranée occidentale autour de 1300: tensions destructrices, tensions novatrices C.M. CipoLLa, La politica economica dei governi. V. La penisola italiana e la penisola iberica, in Storia economica Cambridge. 3: Le città e la politica economica nel Medioevo, C. M. de La ronCière, L’approvisionnement des villes italiennes au Moyen Age (XIVe-XVe siècles), in L’approvvisionnement des villes de l’Europe au Moyen Age et aux Temps Modernes tiche di governo e nel caso degli anni Trenta, con mo- ; g. pinto, Appunti sulla politica annonaria in Italia fra XIII e XIV secolo, in Aspetti della vita economica medievale, atti del di controllo del comune sul commercio dei cereali nel - L. paLerMo, Sviluppo economico e società preindustriali. Cicli, strutture e congiunture in Europa dal Medioevo alla prima età moderna g. VoLpe, Studi sulle istituzioni comunali a Pisa. Città e contado, consoli e podestà (secoli XII-XIII) - crescita nella seconda metà del Trecento controllavano il funzionamento d. HerLiHy, Pisa nel Duecento, M. tangHeroni, Politica, commercio, agricoltura a Pisa nel Trecento id., Aspetti del commercio dei cereali nei paesi della Corona d’Aragona. 1. La Sardegna, g. roSSi SaBatini, Pisa al tempo dei Donoratico (1316-1347). Studio sulla crisi costituzionale del comune, Ivi Per il devetum S. M. CoLLaVini, « Gli Aldobrandeschi da “conti” a “principi territoriali” (secoli IX-XIII), Pisa, ETS, I Brevi del Comune e del popolo di Pisa dell’anno 1287, a cura di ser Ranieri de Metula devetum investigare i contrafacientes e devetum A Comune g. CiCCagLioni, Il Alcune osservazioni sugli equilibri politico istituzionali a Pisa nel Trecento, in Per Marco Tangheroni: studi su Pisa e sul Mediterraneo medievale offerti dai suoi ultimi allievi Comune A g. pinto, Il libro del Biadaiolo. Carestie e annona a Firenze dalla metà del ‘200 al 1348 C. M. de La ronCière, Prix et salaires à Florence au XIVe siècle, Roma, École Ivi tangHeroni, Politica, commercio Comune A Comune A Comune A 117 La Maremma al tempo di Arrigo Sul fattore climatico e la crisi del Trecento si veda B. M. S. CaMpBeLL, Physical shocks, Biological Hazards, and Human Impacts: the Crisis of the Fourteenth Century Revisited, in Le interazioni fra economia e ambiente biologico nell’Europa preindustriale (secoli XIII - XVI) Comune A Comune A Comune A M. Luzzati, Note di metrologia pisana, tangHeroni, Politica, commercio, agricoltura Comune A Comune A Comune A Comune A Comune A Comune A Comune A, Les disettes dans la conjoncture de 1300 en la Méditerranée occidentale École Comune A Comune A Comune A Comune A Comune A, pinto, Appunti sulla politica a. CaPrimi aspetti di politica annonaria nell’Italia comunale. Palus comunis Verone , «Studi Stagnetti, secolo a. zorzi, La trasformazione di un quadro politico. Ricerche su politica e giustizia a Firenze dal comune allo Stato territoriale Espace privilégies: productivité agraire et zone d’approvisionement des villes dans l’Europe preindustrielle ronCière, Indirect Taxes or ‘Gabelles’ at Florence in the Fourteenth Century, in Florentine Studies. Politics and Society in Renaissance Florence S. CaroCCi - S. M. CoLLaVini, Il costo degli stati. Politica e prelievo nell’Occidente medievale (VI-XIV secolo), M. Luzzati, Firenze e l’area toscana, in Storia d’Italia, diretta da Comuni e signorie nell’Italia nordorientale e centrale: Veneto, Emilia-Romagna e Toscana ginateMpo, Prima del debito M. paperini, Suvereto: contributo alla storia di un comune rurale maremmano (XII-XIV secolo) M. L. CeCCareLLiLeMut, La Maremma populoniese nel Medioevo, in Campiglia: un castello e il suo territorio g. pinto, Il comune di Firenze e le terre nuove: aspetti della politica cittadina, in Le Terre Nuove CiCCagLioni, Il r. FranCoViCH-C. WiCkHaM, Uno scavo archeologico ed il problema dello sviluppo della signoria territoriale: Rocca San Silvestro i rapporti di produzione minerari C. WiCkHaM, La signoria rurale in Toscana, in Strutture e trasformazioni della signoria rurale nei secoli X-XIII g. BianCHi, Dominare e gestire un territorio. Ascesa e sviluppo delle ‘signorie forti’ nella Maremma toscana centrosettentrionale tra X e metà XII secolo, CoLLaVini, « » e id., Il prelievo signorile nella Toscana meridionale del XIII secolo: potenzialità delle fonti e primi risultati, in Pour une anthropologie du prélèvement seigeurial dans les campagnes médiévales (XIe-XIVe siècles): réalités et représentations paysannes, a cura di M.L. CeCCareLLi-LeMut, La signoria territoriale di castello e il suo sviluppo nell’area maremmana. Alcuni esempi tra archeologia e storia, in La signoria rurale in Italia nel Medioevo, a cura di The Corrupting Sea. A Study of Mediterranean History g. CHeruBini, Risorse, paesaggio ed utilizzazione agricola del territorio della Toscana sud-occidentale nei secoli XIV-XV, in Civiltà ed economia agricola in Toscana nei secoli XIII-XV: problemi della vita delle campagne nel tardo Medioevo infra mandare a che, linguaggi, confronti - M. ginateMpo, Prima del debito. Finanziamento 1350 ca.) p. CaMMaroSano, delle città toscane, in id., Studi di storia medievale: economia, territorio, società C. M. de La 118 Comune A d. CriStoFeri, La “costruzione” della dogana dei paschi di Siena in Maremma nel Trecento: società, economia e paesaggio nella gestione comunale del pascolo transumante ...
View Full Document

{[ snackBarMessage ]}

What students are saying

  • Left Quote Icon

    As a current student on this bumpy collegiate pathway, I stumbled upon Course Hero, where I can find study resources for nearly all my courses, get online help from tutors 24/7, and even share my old projects, papers, and lecture notes with other students.

    Student Picture

    Kiran Temple University Fox School of Business ‘17, Course Hero Intern

  • Left Quote Icon

    I cannot even describe how much Course Hero helped me this summer. It’s truly become something I can always rely on and help me. In the end, I was not only able to survive summer classes, but I was able to thrive thanks to Course Hero.

    Student Picture

    Dana University of Pennsylvania ‘17, Course Hero Intern

  • Left Quote Icon

    The ability to access any university’s resources through Course Hero proved invaluable in my case. I was behind on Tulane coursework and actually used UCLA’s materials to help me move forward and get everything together on time.

    Student Picture

    Jill Tulane University ‘16, Course Hero Intern