emigrazione italiana

emigrazione italiana - Lemigrazione Dopo la fine della...

Info iconThis preview shows page 1. Sign up to view the full content.

View Full Document Right Arrow Icon
L’emigrazione Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale la ricostruzione e la innovazione industriale nell’Italia hanno risultato in un cambiamento nei flussi dell’emigrazione. L'economia del sud era largamente basata sull'agricoltura ed era molto povero. Il nord era industrializzato ed aveva un'economia prospera. Gli emigranti italiani per la maggior parte hanno viaggiato ai paesi transoceanici come gli Stati Uniti, l’Argentina, e l’Australia. Ma negli anni Cinquanta gli italiani meridionali sono emigrati al Nord invece. Si chimava questo periodo l’emigrazione interna. Hanno scelto di vivere le citta del nord Italia come Milano, Torino e Genoa nella ricerca per lavoro. Queste citta comprettono del triangolo industriale italiano e gli emigrati hanno trovato lovoro come operaio e manovali manuali. I risultati della emigrazione erano le città nel nord sono diventate affollato, trovando un lavoro era in aumento difficile e la cultura ha cambiato rapidamente. La famiglia
Background image of page 1
This is the end of the preview. Sign up to access the rest of the document.

This note was uploaded on 03/28/2012 for the course FLI 318 taught by Professor Bonaduce during the Fall '11 term at N.C. State.

Ask a homework question - tutors are online