2-2011-03.04_IL-GIORNALE-DELL-ARCHITETTURA

2-2011-03.04_IL-GIORNALE-DELL-ARCHITETTURA - Il Giornale...

Info iconThis preview shows page 1. Sign up to view the full content.

View Full Document Right Arrow Icon
Gli outlet italiani e l’arredo di design: i luoghi e i marchi SEGUE DA PAG . 1 Che il settore dell’arredo italia- no soffrisse, a tutti i livelli, di un evidente ritardo nei for- mat distributivi e quanto, d’altro canto, la distribuzione sia ormai diventata elemento centrale per le strategie d’im- presa, sono opinioni condivise. « In Italia c’è una distonia net- ta tra produzione e distribuzio- ne », commenta Mario Esposi- to, presidente della società ri- minese Retailinprogress e pa- dre dell’iniziativa DO.it (De- sign outlet italiano) , lanciata lo scorso novembre e ora giun- ta al primo importante traguar- do. Aprirà a fine aprile in pro- vincia di Teramo , sulla Rivie- ra adriatica, il primo mall del- la catena, un centro intera- mente dedicato al design ita- liano con 20.000 mq di punti vendita (circa 60 negozi mo- nomarca e uno spazio multi- brand, per un totale di 100 marchi) nei quali si acquiste- ranno mobili, complementi d’arredo, componentistica, prodotti nei settori illuminazio- ne, bagno, tavola, casalinghi. La formula riunisce gli in- gredienti base dei più cano- nici Factory Outlet Centres (Foc) dell’abbigliamento e de- gli accessori per la casa impor- tati in Italia per la prima volta negli anni duemila: una super- ficie totale di 100.000 mq cir- ca, una posizione strategica a li- vello territoriale, un’offerta merceologica specializzata, numerosi negozi racchiusi in un’unica piazza, brand di livel- lo medio-alto, prezzi vantag- giosi, un’organizzazione del- l’ entertainment dell’area. Tut- tavia, a questi, si aggiungono elementi d’innovazione che fanno di questo esperimento un esempio unico. Innanzi tutto, i contenuti : « Con Do.it », spiega Esposito, « desideriamo mette- re a disposizione della cliente- la un grande centro totalmente dedicato al settore. La strate- gia prevede la scelta di brand medio-alti rigorosamente ita- liani, con elevati contenuti di design e un attento controllo sulle produzioni. Nessun mar- chio commerciale, né distribui- to dai canali low-cost ». Una conferma di quanto, anche nel settore dell’arredo italiano, il prodotto sia ormai integrato al- la marca. Seppure ci sia anco- ra riserbo sui nomi delle aziende che parteciperanno , Esposito assicura che « l’ope- razione garantirà visibilità e accessibilità anche a quelle realtà che presentano un rap- porto qualità prezzo vantag- gioso, ma che sono ancora po- co conosciute ». Anche la logi- ca dei servizi connessi è inte- ressante ed evoluta: « Una so- cietà esterna », continua Espo- sito, « si occuperà della logi- stica. Il cliente, una volta in- A FINE APRILE IL PRIMO CENTRO SULLA RIVIERA ADRIATICA Anche il design Made in Italy avrà il suo outlet
Background image of page 1
This is the end of the preview. Sign up to access the rest of the document.
Ask a homework question - tutors are online