La_comprensione_delle_differenze_individuali

Si pensi allie come allequivalente sociale del qi

Info iconThis preview shows page 1. Sign up to view the full content.

View Full Document Right Arrow Icon
This is the end of the preview. Sign up to access the rest of the document.

Unformatted text preview: esterna, qualunque essa sia. L’automotivazione agisce come forza intrinseca, si evidenzia come piacere o tensione nell’azione e pervade l’intero processo della realizzazione dell’attività. Le ricompense esterne, quindi, giocano un ruolo di secondo piano rispetto alla tensione che prova l’individuo nell’eseguire il compito e nel raggiungere l’obiettivo. Le persone con un’elevata automotivazione stabiliscono obiettivi impegnativi per se stessi e per gli altri, cercano il modo di migliorare il proprio rendimento e sono pronte a compiere sacrifici personali per raggiungere gli obietti- 88 C AP 078-105_cap.3.qxd 30-12-2008 CAPITOLO 3 16:41 Pagina 89 COMPRENDERE LE DIFFERENZE INDIVIDUALI vi aziendali. Si muovono guidati dalla fiducia di riuscire e dalla voglia di raggiungere un obiettivo che considerano sfidante e interessante. • Le abilità sociali sono le capacità di una persona di influenzare gli altri. Gli individui con queste abilità riescono a convincere gli altri a condividere il proprio punto di vista, si propongono come leader, indipendentemente dalla posizione coperta all’interno dell’azienda, dirigono il gruppo attraverso l’esempio e gestiscono situazioni interpersonali difficili in modo semplice. Si pensi all’IE come all’equivalente sociale del QI. Secondo Goleman, gli studi hanno ampiamente dimostrato, per esempio, che per avere successo in ambito lavorativo, le competenze comprese nell’intelligenza emotiva (come le abilità sociali, l’empatia ecc.) hanno un’importanza doppia rispetto all’intelligenza generale (QI) o alle abilità tecniche. Implicazioni manageriali e organizzative Tipicamente, la selezione è un momento significativo nel quale si può analizzare la personalità di un potenziale collaboratore. Si noti, tuttavia, che la personalità è uno degli elementi che viene preso in considerazione ai fini della scelta. In Italia la valutazione tecnica della personalità è possibile solo se è presente nel processo uno psicologo del lavoro (tecniche di selezione che valutano la personalità devono essere specifiche e gestite in modo professionale) e in ogni caso la valutazione che viene espressa è di “coerenza” o di “incoerenza” rispetto al ruolo che si sta cercando. Come si è illustrato nel capitolo x, l’ottimo dal punto di vista organizzativo è collocare la persona “giusta” nel ruolo “giusto”. Esprimendosi in termini più precisi, questa frase sintetizza come rispetto a un ruolo che richiede alcune attività e comportamenti (vendere abbonamenti telefonici per telefono, vendere telefonini in un negozio, fare analisi di mercato ecc.) sia fondamentale capire le dimensioni di personalità e le caratteristiche personali che possono essere maggiormente congeniali per agevolare una prestazione efficace. E se la personalità è un tratto stabile che assicura comportamenti coerenti, la presenza di tratti (per esempio amicalità) in ruoli di relazioni (per continuare con l’esempio) rende più certe l...
View Full Document

This document was uploaded on 12/08/2013.

Ask a homework question - tutors are online