La_comprensione_delle_differenze_individuali

Da caproni 2005 un modello di funzionamento delle

Info iconThis preview shows page 1. Sign up to view the full content.

View Full Document Right Arrow Icon
This is the end of the preview. Sign up to access the rest of the document.

Unformatted text preview: ella figura 3.5. Come detto, le emozioni negative non sono funzionali al raggiungimento degli obiettivi che si desidera perseguire. Per esempio, quali delle sei emozioni è più probabile che un individuo provi nel caso in cui sia bocciato all’esame o venga licenziato? La bocciatura o la perdita del lavoro sarebbero incongruenti con l’obiettivo di laurearsi o di essere percepito come un professionista affermato. D’altro canto, quale delle quattro emozioni positive mostrate nella figura 3.5 potrebbe provare quella stessa persona se si laureasse con il pieno dei voti o se ricevesse una promozione? Le emozioni percepite in queste situazioni sarebbero positive perché coerenti con i propri obiettivi. Le emozioni positive sono correlate con l’efficacia organizzativa. I leader che le esprimono incoraggiano i loro collaboratori a fare altrettanto. 97 078-105_cap.3.qxd 30-12-2008 CAPITOLO 3 16:41 Pagina 98 COMPRENDERE LE DIFFERENZE INDIVIDUALI C AP Emozioni negative Emozioni positive Rabbia Felicità Paura/ Ansia Orgoglio Colpa/ Vergogna Tristezza Amore/Affetto Invidia/ Gelosia Disgusto Sollievo FIGURA 3.5 Emozioni positive ed emozioni negative. X A.: confermare il termine Quando le persone provano emozioni positive sono più portate a fissare obiettivi elevati, a capire i propri errori e a correggerli, a sentirsi più competenti e ad avere maggiori capacità di problem solving. Tra le aziende che di recente hanno ridotto il personale, quelle con i leader che esprimevano emozioni positive nonostante i tempi difficili hanno avuto una produttività significativamente maggiore rispetto a quelle con leader che mostravano emozioni negative. Dopo la caduta delle Twin Towers, l’11 settembre 2001, i manager del negozio di Starbucks (una catena internazionale di caffetteria) vicino alle Torri dissero ai propri dipendenti che – per evidenti motivi di sicurezza – potevano abbandonare il lavoro. Tuttavia, tutti, dal responsabile ai dipendenti, scelsero di rimanere e “tirarono” letteralmente dentro il negozio i passanti per offrire loro cibo, bibite, riparo e supporto emotivo. Come ha detto un giornalista: “Vivere improvvisamente e superare un momento di crisi, permette alle persone di costruire lealtà e di fornire incondizionatamente, dal profondo del cuore, emozioni positive” (adat. da Caproni, 2005). UN MODELLO DI FUNZIONAMENTO DELLE EMOZIONI Un modello che mostra come le emozioni influiscono sul comportamento è mostrato nella figura 3.6. Il processo inizia con la definizione di un obiettivo ossia ciò che un individuo sta cercando di perseguire; è obiettivo lo scopo o l’intento che una persona si prefigge. Per esempio, un medico può avere l’obiettivo di visitare 25 pazienti alla settimana, uno studente può porsi l’obiettivo di studiare 400 pagine in tre giorni, una mamma di leggere tutto il libro a suo figlio in una sera. Le emozioni “anticipatory” (anticipate) sono le emozioni Obiettivo Emozioni “anticipate” Comportamenti FIGURA 3.6 L’influenza delle emozioni sulla prestazione. 98 Raggiungimento dell’obiettivo Emozioni derivanti dal risultato 078-105_cap.3.qxd 30-12-2008 CAPITOLO 3 16:41 Pagina 9...
View Full Document

{[ snackBarMessage ]}

Ask a homework question - tutors are online